Spedizione e resi gratuiti. Consegna in 7 giorni lavorativi.

Cos’è la ricarica intelligente?

Ricarica intelligente significa poter gestire in modo intelligente come ricarichi il tuo veicolo elettrico, collegandolo alla rete.

Quando un veicolo è in modalità “ricarica intelligente”, il caricabatterie sta fondamentalmente “comunicando” con la tua auto, con l’operatore di ricarica e con l’azienda di servizi pubblici attraverso delle connessioni dati. In altre parole, quando colleghi il tuo veicolo elettrico alla rete, il caricatore invia automaticamente informazioni importanti che vengono usate per ottimizzare il processo di ricarica.

In questo modo, la ricarica intelligente consente all’operatore di ricarica (sia esso un privato con un caricabatterie nel proprio domicilio o un’azienda con diverse stazioni di ricarica) di gestire la distribuzione dell’energia ai singoli veicoli collegati alla rete elettrica. La quantità di energia usata può variare in funzione del numero di persone che stanno usando l’elettricità in quel momento, in modo tale da non gravare troppo sulla rete. La ricarica intelligente evita anche che venga superata la capacità di carico massima dell’edificio – normalmente definita dalla capacità della rete locale e dalla potenza energetica prevista dalla propria tariffa.

Inoltre, la ricarica intelligente permette alle aziende di servizi pubblici di fissare determinati limiti per il consumo energetico, impedendo così un sovraccarico della rete dovuto a un uso di energia che supera quella prodotta.

Grazie a questo sistema si ottiene un risparmio di tempo e denaro, e soprattutto di energia, contribuendo alla protezione delle preziose risorse del pianeta.

Come funziona, in concreto, la ricarica intelligente?

La ricarica intelligente consiste nel connettere i punti di ricarica con utenti e operatori. Ogni volta che colleghi un veicolo elettrico alla rete, la stazione di ricarica invia informazioni (tempo di ricarica, velocità, ecc.) tramite Wi-Fi o Bluetooth a una piattaforma cloud per la gestione centralizzata dei dati, che può ricevere anche altri dati, come ad esempio informazioni sulla capacità della rete locale o il modo in cui l’energia viene usata presso il punto di ricarica (casa, edificio dell’ufficio, supermercato, ecc.). La mole di dati viene elaborata automaticamente e visualizzata in tempo reale da un software che gestisce la piattaforma, per poi essere usata per prendere decisioni in modo automatizzato su come e quando ricaricare i veicoli elettrici.

Così facendo, gli operatori di ricarica possono controllare e regolare facilmente da remoto il consumo di energia attraverso una sola piattaforma, sito web o applicazione mobile. Sono disponibili anche altre funzionalità e vantaggi. Ad esempio, i proprietari dei veicoli elettrici possono monitorare e pagare le sessioni di ricarica attraverso un’app dal proprio smartphone, in qualsiasi momento e ovunque si trovino.

Le principali caratteristiche della ricarica intelligente

Power Sharing 

La funzionalità Power Sharing, talvolta chiamata anche bilanciamento o livellamento del carico, consente agli operatori della rete o alle aziende con vari punti di ricarica di distribuire la potenza disponibile fra tutti i punti attivi. Ogni infrastruttura dispone di una potenza limitata, perciò normalmente un maggiore consumo energetico significherebbe dover ampliare l’infrastruttura elettrica con un piano più costoso. La ricarica intelligente consente di distribuire la potenza in modo ottimale, evitando così di dover aggiornare il contratto della fornitura elettrica. Guarda il video qui sotto per scoprire come funziona.

In base all’esempio del video che hai appena visto, immaginiamo la situazione seguente: l’edificio del tuo ufficio ha una potenza massima di 44 kW e ogni punto di ricarica ha una potenza massima in uscita di 22 kW. Diversi utenti desiderano caricare la propria auto allo stesso tempo. Con Power Sharing, un’auto può ricaricarsi usando 22 kW – la potenza massima consentita dal punto di ricarica. Se si collega alla rete un secondo veicolo, possono comunque entrambi usufruire della potenza massima di 22 kW dal momento che la somma dei due non supera la potenza massima di 44 kW consentita dall’edificio. A partire da quando si collega alla rete un terzo veicolo, la capacità viene distribuita in modo tale che le tre auto ricevano ognuna una potenza di 14 kW. Con un quarto veicolo, ognuno riceverebbe 11 kW e così via.

Power Boost

La funzionalità Power Boost, chiamata anche peak shaving (letteralmente “limatura del picco”) viene usata nella ricarica intelligente per evitare di eccedere la potenza massima della casa. Raggiungere o superare la potenza massima della tua fornitura elettrica non è una buona idea. Il tuo operatore di energia potrebbe infatti addebitarti un costo aggiuntivo in bolletta relativo all’elettricità extra consumata, soprattutto se durante il mese continui a usare elettrodomestici ad alto consumo come la lavatrice o la lavastoviglie. Power Boost evita che ciò accada, distribuendo in modo dinamico il carico tra il caricabatterie e il resto degli apparecchi presenti in casa. Quando stai per raggiungere la capacità di carico massima, il sistema di ricarica intelligente riduce automaticamente la potenza utilizzata dalla tua auto. Può addirittura fermare momentaneamente la sessione di ricarica finché non è di nuovo disponibile un livello sufficiente di potenza. In questo modo non oltrepasserai mai il limite previsto dal tuo contratto.

Dynamic Power Sharing

La funzionalità Dynamic Power Sharing combina il Power Boost e il Power Sharing. Come specificato nel paragrafo precedente, l’installazione di nuovi punti di ricarica in una determinata infrastruttura comporta un aumento complessivo del consumo energetico, che potrebbe tradursi in una maggiore spesa e spesso in minore efficienza.

Il Dynamic Power Sharing (DPS) consente di controllare e misurare il consumo di un edificio rispetto alla sua massima capacità di carico. Quando il consumo è inferiore alla capacità massima, la potenza disponibile restante viene assegnata alla rete di ricarica. Inoltre, il sistema di ricarica intelligente distribuisce automaticamente l’energia disponibile in modo uniforme fra tutti i caricatori. Al contrario, se il consumo dell’edificio è pari o superiore alla capacità massima consentita, alle stazioni di ricarica non verrà distribuita energia. Approfittando dei momenti in cui il consumo complessivo di energia dell’edificio è basso, la richiesta di energia della rete di ricarica può essere soddisfatta senza la necessità di aumentare la potenza dell’installazione, di firmare una potenza contrattuale maggiore né di installare nuove linee elettriche o eccedere la capacità di carico massima dell’infrastruttura.

Qual è la differenza tra ricarica intelligente e ricarica bidirezionale?

Qual è la differenza tra ricarica intelligente e ricarica veloce?

Chi siamo

Vuoi scoprire di più su Wallbox?